Top menu

Il tempo passa, le persone vanno e vengono, il territorio è cambiato. Ma anche oggi, come allora, la nostra associazione svolge e difende le stesse idee di cinquanta anni fa. Iniziando dal recupero dei sentieri della nostra collina, come ad esempio il collegamento fra Trovero (Contra) e Tendrasca (Val Resa) dove a metà tracciato si intravedono resti di un’attività abbandonata della lavorazione del granito.

Per commemorare questo anniversario abbiamo ripristinato dei sentieri che furono eseguiti dalla Pro Minusio: essi formano l’anello, con arrivo e partenza in Val Resa, che costituisce il “Sentiero commemorativo”: parte dalla Val Resa, raggiunge Schivasco e poi si spinge fino all’Alpe Cardada, che è il punto più alto. Quindi esso scende a Chiodo, poi — passando da Monte Cordonico e Baffi — ritorna in Val Resa.

Le manifestazioni allora si svolgevano piuttosto in altura che sul piano, ma la popolazione nel frattempo si è spostata dalla periferia ai centri urbani, e così anche la Pro Minusio organizza oggi, nelle giornate autunnali, la castagnata a Rivapiana, vicino al Portigon, con distribuzione gratuita di caldarroste.

In dicembre, anche per poter scambiare gli auguri, si tiene il mercatino di Natale con circa 50 bancarelle che propongono lavoretti fatti a mano e addobbi natalizi. Queste due manifestazioni riscuotono un notevole successo tra i nostri concittadini.

E doveroso per l’autore di questa rievocazione ringraziare sentitamente Luca Malacrida per il costante, indispensabile aiuto, senza il quale l’idea di ricordare la benemerita Pro sarebbe rimasta un incerto progetto.

 

Joomla templates by a4joomla